Aste immobiliari

Aumentano gli immobili in vendita alle Aste Immobiliare.
Nel 2017 in base ai dati pubblicati sul sito specifico Enti e Tribunali, le esecuzioni immobiliari sono
state oltre 234.000. Un dato allarmante che con una continuità di oltre 200.000 pignoramenti
annui  porterà al rischio che nei prossimi 5 anni la quota possa arrivare ad 1,5 milioni di immobili in
asta.
Per i proprietari insolventi sono diverse le situazioni critiche che li hanno condotti a non poter
fronteggiare il pagamento del mutuo: perdita di lavoro,  accensione di altri prestiti, mancato
pagamento delle spese condominiali, o situazione finanziaria difficoltosa per separazione
coniugale. Il 70% dei casi infatti riguarda immobili residenziali e solo in minima percentuale negozi
o uffici.
La vendita all’asta, attraverso i vari ribassi si traduce in perdita sia per il debitore che per il
creditore. Il primo non riuscirà neppure a saldare totalmente il debito, il secondo recupererà solo
in parte il credito erogato. Un altro elemento critico di questo fenomeno in aumento è quello di
avere un forte deprezzamento dei valori generando uno sbilanciamento dei prezzi che nel libero
mercato segue invece un oscillazione annuale moderata.